Ti trovi in:

Home » Aree Tematiche » Politiche sociali

Menu di navigazione

Politiche sociali

Avvisi

di Mercoledì, 04 Ottobre 2017
Immagine decorativa
CCILI 3,82 MB

Si sta avviando il progetto "CCILI in Trentino" (ex for.it (apre il link in una nuova finestra)), finanziato a valere sul Fondo Asilo, Migrazione e Integrazione – Obiettivo specifico 2 Integrazione/Migrazione legale – Obiettivo Nazionale 2 integrazione – Piani regionali per la formazione civico linguistica di cittadini di Paesi terzi.
Si tratta di percorsi GRATUITI, da realizzarsi tra settembre 2017 e febbraio 2018 e rivolti a immigrati non comunitari, di età minima 16 anni, regolarmente soggiornanti in Italia, ivi compresi i titolari di protezione internazionale, sussidiaria e umanitaria.

L’attenzione è quella di mantenere i seguenti criteri:

  • integrare l’obiettivo linguistico con educazione civica e promozione di cittadinanza attiva situata territorialmente
  • favorire l’integrazione sociale con la formazione di piccoli gruppi con occasioni di incontro oltre il tempo del corso di formazione
  • mantenere la prassi ormai consolidata di potenziare i corsi con uscite sul territorio ed interventi di esperti 

A seguito della raccolta dei bisogni formativi dei corsisti si organizzano anche moduli specifici di approfondimento inerenti il lavoro, la patente, la cura della persona, il rapporto scuola famiglia etc.

Per chiarimenti e informazioni contattare i numeri indicati nel volantino allegato.


di Mercoledì, 26 Agosto 2015
Immagine decorativa

Il Dipartimento salute e solidarietà sociale - CINFORMI, incaricato dalla Giunta provinciale della gestione del piano straordinario di accoglienza dei migranti richiedenti protezione internazionale con deliberazione n. 2445 del 2014, esperisce un’indagine esplorativa del mercato per verificare la disponibilità di immobili ad uso abitativo/residenziale - che posseggano le caratteristiche minime illustrate nell'avviso - da poter utilizzare per le esigenze connesse all'accoglienza dei suddetti migranti inviati dallo Stato.

I giovani sono una risorsa degna della vita comunitaria e come tale va non solo considerata, ma valorizzata e posta nella condizione di dare il proprio apporto con interventi ideati e realizzati CON i giovani e PER i giovani.

L'integrazione socio-sanitaria è pensata come la necessità di un coordinamento tra servizi sociali e sanitari pubblici

LINEE GUIDA PER IL CONTRASTO DELLA VIOLENZA ALLE DONNE IN PROVINCIA DI TRENTO

Strumenti per operatori della rete a sostegno delle donne vittime di violenza.

Progetti della Comunità di Valle per favorire l'inserimento o reinserimento lavorativo

tel. 0461 340163 - interno 4

mail: segreteria.sociale@comunita.valledeilaghi.tn.it

pec: serviziosociale@pec.comunita.valledeilaghi.tn.it

Orario di apertura al pubblico: da lunedì a venerdì dalle 8.30 alle 12.00, pomeriggio su appuntamento.

Progetti attivi

Il progetto "Posso venire a casa tua?" nasce dall'esperienza di alcune Municipalità della Valle dei Laghi che negli scorsi anni hanno attivato un intervento di socializzazione a domicilio.

Dal 2014 questo intervento è sostenuto con finanziamenti dell'Agenzia del Lavoro, dei Comuni aderenti e della Comunità di Valle.

Risponde all'esigenza di garantire compagnia e socializzazione a persone che sono prive o che hanno una ridotta rete familiare e scarse capacità o possibilità di socializzazione e di aiuto in piccole commissioni o lavori della quotidianità e nel contempo risponde anche all'esigenza di occupazione lavorativa per persone che trovano maggiore difficoltà ad entrare o rientrare nel mondo del lavoro.

 

Il “Centro per le Famiglie della Valle dei Laghi”, gestito da Comunità Murialdo, vuole essere punto di riferimento in grado di accogliere, ascoltare e valorizzare le famiglie in ambito relazionale, organizzativo ed educativo e promotore di diverse iniziative su tutto il territorio della Valle dei Laghi.

A chi si rivolge?

E' un luogo aperto a tutte le famiglie della Valle, in particolare con bambini dai 0 ai 6 anni, nel quale poter trovare, oltre a momenti di confronto, consulenza, scambio, anche servizi specifici di supporto ai genitori nei compiti di accudimento ed educazione dei propri figli.

Contatti

Coordinatrice del progetto: Monica Pisoni

Sede: Madruzzo (Lasino) - via Roma, 3

Orari di apertura: lunedì, martedì, mercoledì e giovedì dalle 9.00 alle 12.30.

Per info: tel. 0461564770 | cell. 3487593205 centrofamiglie@murialdo.taa.it

Promozione e gestione del progetto: Associazione provinciale per le Dipendenze patologiche (A.p.D.p.) Onlus.MissionL’A.p.D.p. è un’associazione-onlus il cui fulcro fondante è la famiglia con le sue dinamiche relazionali e nasce per accogliere, sostenere e indirizzare chi incontra direttamente o indirettamente problemi legati alle dipendenze. L’associazione lavora quindi su due binari: il supporto delle persone...
Promozione e gestione del progetto: Comunità Murialdo Valle dei Laghi.Cos'è"Bussola" si occupa del sostegno e dell'accompagnamento dell'adolescente nel suo percorso di crescita. Attivato in via sperimentale nel 2012, il progetto ha dato vita ad attività di vario tipo: spazi liberi dove poter fare i compiti, supporto allo studio individualizzato, gite e laboratori, attività di tipo aggregativo a partecipazione libera, supporto...
Cos'èIl Progetto di educativa territoriale Comuni...chiamo - Una Comunità che ha cura di sé, trova le sue radici nella ricerca – intervento, denominata “Azione Minori” svolta in Valle dei Laghi negli anni 1998 e 1999, che ha visto coinvolti, su sollecitazione della Comunità Murialdo, fatta propria dall'allora Comprensorio C5 della Valle dell'Adige, vari soggetti tra cui i minori, le famiglie, gli insegnanti, le Associazioni che...
Promozione e gestione del progetto: Comunità Murialdo Valle dei Laghi.Cos'èA fronte della sempre maggiore presenza anche in Valle dei Laghi di persone e famiglie di migranti, e dato come punto fermo, che a tutti devono essere garantiti i diritti e forniti i servizi conseguenti, non si può trascurare il fatto che spesso la presenza di migranti può generare nella popolazione nativa insicurezza e paura, e diventare un elemento che...
Promozione e gestione del progetto: Associazione di volontariato Oasi Valle dei Laghi.Destinatari del progetto sono persone diversamente abili residenti in Valle dei Laghi alle quali vengono offerte positive occasioni di socializzazione, svago e tempo libero nella e con la comunità di appartenenza.Obiettivi Per le persone diversamente abili - Favorire momenti di socializzazione svago e tempo libero- Promuovere e organizzare nel concreto...
Promozione e gestione del progetto: Associazione di volontariato Oasi Valle dei Laghi.Destinatari del progetto sono persone diversamente abili residenti in Valle dei Laghi e persone in difficoltà segnalate dal Centro di Salute Mentale di Trento, allo scopo di offrire e pianificare occasioni di inclusione ed integrazione sociale nella Comunità di appartenenza e attuarli in collaborazione con quest'ultima.Obiettivi - Offrire occasioni di...
Promozione e gestione del progetto: Associazione di volontariato Oasi Valle dei Laghi.Destinatari del progetto sono persone diversamente abili per le quali, dall'esperienza maturata nell'ambito dei progetti Talea e Mixabile, si propone un percorso di inclusione e inserimento nel contesto di vita abituale, tramite lo svolgimento di attività comuni di vita quotidiana. Attualmente il progetto coinvolge 11 persone.Obiettivi - Favorire processi...

Pianificazione sociale territoriale

Il PIANO SOCIALE DI COMUNITÀ è lo strumento di programmazione delle politiche sociali del territorio; un importante atto che si colloca all'interno del sistema programmatorio provinciale, i cui obiettivi strategici (promozione della salute, indirizzi e linee di intervento da perseguire per migliorare la salute e il benessere della popolazione e ridurre le disuguaglianze) sono definiti dal Piano provinciale per la salute.

Al fine di addivenire all'approvazione di un nuovo Piano sociale di Comunità entro il prossimo 31 dicembre 2017, la Comunità di Valle ha dato avvio alle procedure per istituire formalmente il Tavolo territoriale, ai sensi dell'art. 13 della L.P. n. 13/2007, il quale prevede che "nell'ambito di ogni Comunità venga istituito un tavolo territoriale quale organo di consulenza e di proposta per le politiche sociali locale. Le funzioni del tavolo sono le seguenti:

  • raccoglie le istanze del territorio nel settore delle politiche sociali e contribuisce all'individuazione ed analisi dei bisogni;
  • formula la proposta del piano sociale di Comunità;
  • individua attività in relazione alle quali stipulare gli accordi con soggetti privati e del terzo settore."

Ai sensi del medesimo articolo "La Comunità assicura nella composizione del tavolo un'adeguata rappresentanza dei Comuni, tenuto conto della loro dimensione demografica, nonchè la rappresentanza del distretto sanitario, dei servizi educativi e scolastici, delle parti sociale e, per almeno un terzo del totale dei componenti, di membri designati da organizzazioni del terzo settore operanti nel territorio della Comunità."