Ti trovi in:

Zanzara tigre - attività di controllo in Trentino

di Martedì, 19 Giugno 2018
zanzara tigre

La Giunta Provinciale, con delibera n. 1049 di data 15 giugno 2018, ha approvato il Piano per il controllo della zanzara tigre in Provincia di Trento. Nella prefazione si legge:

I complessi cambiamenti ecologici e socio-economici che stanno interessando il pianeta, comportano numerose ripercussioni anche su ambiti regionali di piccole dimensioni come il territorio della Provincia Autonoma di Trento. L’invasione da parte di specie aliene, siano esse di origine microbica, vegetale o animale, sta aumentando con conseguenti ripercussioni sia di tipo economico sia di tipo socio-sanitario. Tra esse si annoverano specie di insetti di interesse sanitario, quali le zanzare di origine asiatica (zanzara tigre, zanzara coreana ed altre specie) con il conseguente potenziale rischio di trasmissione di agenti zoonotici tropicali, ma anche insetti dannosi per il comparto agricolo (esempi recenti sono rappresentati dal moscerino della frutta e dalla cimice asiatica).

....

La malattie infettive trasmesse da vettori rappresentano da sempre uno dei capitoli fondamentali della Sanità Pubblica. Il gruppo di infezioni potenzialmente di interesse, con particolare riferimento alle malattie trasmesse dalle zanzare è rappresentato soprattutto da forme virali, tra cui l’infezione da West Nile Virus, Zika virus,
Dengue e Chikungunya. Alcune di esse, seppur di origine esotica, sono ormai presenti in forma pressoché endemica sul territorio nazionale, come ad esempio il virus West Nile. In altri casi invece, la comparsa di eventi di trasmissione a carattere epidemico risulta molto limitata, anche se il numero di casi umani di importazione risulta in costante aumento. Va comunque considerato che la presenza delle zanzare risulta indesiderata per la molestia che possono procurare alla popolazione, richiedendo pertanto sistemi di lotta proporzionati alla tipologia ed all’importanza del problema.
Il controllo delle zanzare, soprattutto di quelle di origine aliena, richiede un’importante azione sinergica, coordinata e sincronizzata da parte di diversi attori che includono, oltre alla pubblica amministrazione ed agli istituti di ricerca operanti sul territorio, principalmente i singoli cittadini senza il cui contributo non è ipotizzabile l’implementazione di piani di controllo efficaci.

È quindi necessario che ciascuno di noi adotti delle buone pratiche allo scopo di limitare la diffusione di questi insetti.

Nel volantino allegato sono contenute informazioni ed indicazioni utili per favorire il piano di controllo.

Scarica il pieghevole:

Per approfondire l'argomento:

Cerca